Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 11:45 a 13:45

Le politiche di rigenerazione urbana area-based e il Piano Città [ co.14 ]

Il Piano nazionale per le città è un importante intervento con caratteristiche area-based . Finora sono stati finanziati progetti che si riferiscono a 28 comuni i quali potranno attivare investimenti per 4,4 miliardi di euro. Il Decreto del fare ha inoltre stabilito che si attingerà dalla graduatoria dei progetti presentati per utilizzare i fondi europei del ciclo 2007-2013 non ancora spesi

E’ un primo approccio al tema più complessivo della rigenerazione urbana, che è la chiave per rinnovare anche dal punto di vista sociale e culturale, oltre che energetico ed edilizio, le nostre città.  La Direttiva europea 27/2012 offre un’occasione importante in quanto prevede la presentazione entro l’aprile 2014 da parte degli Stati membri di una strategia a lungo termine di ristrutturazione e rigenerazione del parco nazionale degli edifici sia pubblici che privati. Un processo innovativo di decisione e gestione, evoluto grazie al riferimento con le migliori pratiche sperimentate nell’Unione Europea e nel mondo.

L'incontro si solgerà in collaborazione con ANCI e la Fondazione Patrimonio comune.

ELEVATOR PITCH (PRESENTAZIONE SINTETICA DI UN PROGETTO)
In questo convegno verrà illustrato uno dei progetti di Innovazione sociale finanziati nell'ambito del bando MIUR dedicato alla Regioni dell'Obiettivo convergenza e presentati da start-up formate da giovani di età non superiore ai 30 anni di età. Il relatore del progetto ha a disposizione un massimo di 3 minuti.

- Luca Langella, Progetto PoP_HuB

Programma dei lavori

Coordina

Gelli
Intervento di Francesca Gelli
Francesca Gelli Ricercatrice dell'Università IUAV di Venezia, docente di governo locale e pubblica amministrazione Biografia Vedi atti Guarda il video

Francesca Gelli, di formazione musicista e architetto, è ricercatore in Scienza Politica e docente dell'Università IUAV di Venezia, dove insegna Governo Locale e Pubblica Amministrazione. Oltre che in Italia, ha svolto ricerche negli Stati Uniti, in Germania e nel Sud Est Europa. E' autrice di monografie e saggi su: politiche urbane, teoria empirica della democrazia, federalismo, metodi di analisi delle politiche pubbliche. Il suo ultimo libro è: La città nella scienza politica Americana (2012, Rubbettino). Ha collaborato con numerose istituzioni del governo locale e regionale a progetti di sviluppo locale, progettazione e gestione partecipata delle politiche.

Chiudi

Intervengono

Dal Bosco
Intervento di Tommaso Dal Bosco
Tommaso Dal Bosco Responsabile del Dipartimento patrimonio, urbanistica, infrastrutture e politiche per la casa di - ANCI Biografia Vedi atti Guarda il video

Laureato in sociologia con una tesi sulle politiche urbane, ha anche una formazione giuridica ed esperienze professionali nel campo dei servizi e della pubblica amministrazione con un amplissimo range di esperienze settoriali sempre in ruoli manageriali e di accounting/lobbying.

Da oltre 10 anni si occupa di politiche pubbliche e strategie per lo sviluppo locale. Prima in ambito montano e rurale come Direttore generale di Uncem poi, con la confluenza di UNCEM in ANCI, ha allargato la sfera di interesse ai problemi delle aree urbane con particolare riferimento al tema della riqualificazione e valorizzazione del patrimonio pubblico e alle politiche per la casa.

Oggi, sempre all’interno del sistema associativo dei Comuni, si occupa di Investimenti urbani per IFEL – Fondazione ANCI con la missione di identificare, modellizzare e promuovere strategie operative, contrattuali e finanziarie innovative per la rigenerazione urbana. Dal 2018 è anche presidente di AUDIS.

Chiudi

Del Fante
Intervento di Matteo Del Fante
Matteo Del Fante Direttore Generale - Cassa Depositi e Prestiti Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Firenze il 27 maggio 1967. Laureato in Economia Politica presso l’Università Commerciale “Luigi Bocconi” di Milano.

Ha iniziato la sua carriera in J.P. Morgan dal 1991 ricoprendo per l’Italia e per l’estero responsabilità nel settore dei mercati a reddito fisso. Dal 1999 al 2003, quale Managing Director a Londra, si occupa di rilevanti operazioni finanziarie e strategiche in Europa. Da giugno 2010 è Direttore Generale della Cassa depositi e prestiti S.p.A., dove in precedenza è stato Responsabile della Direzione Finanza e della Direzione Immobiliare.

Inoltre, da luglio 2010, lasciando la carica di Amministratore Delegato, ha assunto il ruolo di Presidente del Consiglio di Amministrazione di “CDP Investimenti SGR”, società di gestione del risparmio che ha istituito e gestisce il “Fondo Investimenti per l’Abitare” operante nel settore dell’edilizia privata sociale. Dal maggio 2007 è Consigliere della società di consulenza SINLOC controllata delle Fondazioni di origine bancaria. Dall’aprile 2008 è Consigliere di Amministrazione di Terna S.p.A. ed è, nell’ambito di tale incarico, componente del Comitato Controllo e Rischi.

Dal luglio 2011 è membro del Supervisory Board dell’“EEFF-European Energy Efficiency Fund S.A.” fondo per l’efficientamento energetico promosso da Cassa depositi e prestiti, Commissione Europea, Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e Deutsche Bank.

Chiudi

Atti di questo intervento

co_14_5delfante.mp3

Chiudi

Caudo
Intervento di Giovanni Caudo
Giovanni Caudo Assessore all'Urbanistica - Comune di Roma Biografia Vedi atti Guarda il video

Giovanni Caudo (Fiumefreddo di Sicilia, 1964), architetto, si è laureato nel 1991 all’Università degli Studi la Sapienza, ha conseguito nel 1995 il dottorato di ricerca in Pianificazione urbana e territoriale presso l’Università di Palermo. Titolare di una borsa di studio post-laurea presso l’Università Cattolica di Nijmegen (Olanda) nel 1992 e nel 1993. Dal 1995 al 1999 collabora al corso di Teorie e tecniche della pianificazione tenuto dal prof. Giovanni Ferraro presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Ha svolto attività professionale dal 1995 al 2001 e ha partecipato alla redazione di piani urbanistici di diversi Comuni, tra cui quelli di Positano ed Eboli. A Eboli è stato anche responsabile dell’ufficio di piano fino all’approvazione definitiva. Nel Novembre 2001 diventa ricercatore in Urbanistica presso l’Università degli Studi Roma Tre e collabora con il prof. Giorgio Piccinato. E’ tra i fondatori del DiPSU – Dipartimento di Studi urbani. È Professore associato di Urbanistica dal 2012 presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi  “Roma Tre”, dove ha svolto attività didattica nel corso di laurea in Scienze dell’Architettura e nel dottorato di Politiche territoriali e progetto locale. Si interessa della condizione urbana contemporanea studiata attraverso le forme dell’abitare e la nuova questione abitativa. A questo tema ha dedicato ricerche su aspetti specifici, sia in ambito nazionale (Housing Italy, Padiglione Italiano alla 11 Mostra Internazionale di architettura di Venezia), sia internazionale (Inclusionary housing: a comparative international analysis, Lincoln Institute of Land Policy, Cambridge, MA. USA) e soggiorni di studio presso l’University College di Londra). Ha insegnato Urbanistica presso il il corso di laurea in discipline etnoantropologiche presso la facoltà di lettere e Filosofia dell’Università di Roma “la Sapienza”. È responsabile dal 2005 del gruppo di ricerca Labic, Laboratorio abitare la città contemporanea con il quale ha svolto attività di ricerca applicata per conto di enti pubblici e privati. È tra i sei progettisti finalisti selezionati per la fase finale del progetto di Housing sociale promosso dalla Fondazione Housing sociale “Figino Borgo sostenibile”. Partecipa al PRIN, Programma di ricerca di interesse nazionale dal titolo: “Territori Post-metropolitani” coordinato dal prof. Alessandro Balducci nell’ambito dell’unità locale di Roma. È rappresentante nazionale eletto dell’Associazione europea delle scuole di pianificazione (AESOP). Membro nominato al Consiglio Italiano per le Scienze Sociali (CSS). Svolge attività di referaggio per la rivista Territorio del Politecnico di Milano. Valutatore di progetti di ricerca europea e dell’Università Francese in Italia.

Chiudi

Malagoli
Intervento di Riccardo Malagoli
Riccardo Malagoli Assessore ai Lavori Pubblici del - Comune di Bologna Biografia Vedi atti Guarda il video

Nato a Bologna nel 1959, ha due figli. Dopo esperienze in fabbrica e come magazziniere, nel 1982 comincia a lavorare come operatore ecologico in Hera, allora A.M.I.U. – Azienda Municipalizzata Igiene Urbana di Bologna. Anni di esperienza nelle strade cittadine gli fanno conoscere e amare l’anima più popolare ed autentica della città: solidale e comunitaria. Questa idea di città è la spinta per l’impegno in politica, che comincia dal territorio del quartiere in cui è cresciuto, San Donato che ha problemi e ricchezze della periferia: ospita un terzo degli alloggi pubblici di Bologna, ha una decisa vocazione multietnica e popolare e molte e radicate realtà di associazionismo. Dal 1994 è consigliere del quartiere San Donato in rappresentanza del Prc, eletto capogruppo e riconfermato nel 1999, mentre continua a lavorare in Hera: autista, operaio e poi impiegato. Nel 2004, con l’esperienza maturata nei 10 anni da consigliere e molte idee da realizzare, è eletto presidente del quartiere San Donato, dalla maggioranza di centrosinistra e confermato nella carica nel 2009, ancora con il Centrosinistra per San Donato. Da presidente ha affrontato le problematiche dell’edilizia pubblica – sia per gli aspetti legati al welfare che sul versante della socialità – e attivamente promosso con il Consiglio di quartiere diversi laboratori partecipati, in particolare sull’urbanistica, come per la realizzazione della Fascia Boscata di San Donnino, progetto realizzato dopo molti anni di attesa, e la nuova piazza del quartiere nell’ambito del progetto “Bella Fuori”. Questi aspetti si fondono nel progetto “Sposta il tuo centro - Città di Città” durato due anni, con laboratori partecipati, percorsi di conoscenza del quartiere, feste di vicinato, interventi artistici (“Container”) e che produce anche l’esperienza ormai consolidata del tavolo di progettazione partecipata di iniziative socio-culturali di quartiere. A lungo iscritto a Rifondazione comunista, ha sempre attivamente partecipato alla vita interna del partito, anche come componente della segreteria provinciale e segretario del circolo del suo quartiere; attualmente è iscritto a Sinistra ecologia e libertà e membro della assemblea federale. Molto legato ai temi e alla memoria dell’antifascismo, è attivamente impegnato da diversi anni nell’Anpi cittadina, adesso vicepresidente del circolo di San Donato e membro del direttivo provinciale.

Chiudi

Atti di questo intervento

co_14_10malagoli.mp3

Chiudi

Arlati
Intervento a cura di Ezio Arlati
Ezio Arlati Docente - Politecnico di Milano - Dipartimento A.B.C. Biografia Vedi atti Guarda il video
Ezio Arlati, architetto, è Professore Associato presso il Politecnico di Milano, Dipartimento ABC presso il quale svolge attività di ricerca nell’ambito di ProTeA – Progettazione Tecnologica Assistita, il cui impegno principale è posto nella modellazione digitale degli edifici di valore storico e architettonico, nella simulazione via software del comportamento termo-energetico delle costruzioni, nello sviluppo di soluzioni di involucro innovative, quali le facciate ventilate ad alta efficienza energetica.
E’ docente della Scuola di Architettura, Urbanistica & Ingegneria delle Costruzioni presso cui insegna da 18 anni il Corso di Progettazione Tecnologica Assistita, coordina il Laboratorio di Progetto e Costruzione dell’Architettura Corso di Laurea Magistrale), il laboratorio di Costruibilità e Sostenibilità del Progetto (CdL Triennale; nell’anno acc. 2018-19 anche in lingua inglese). Ha iniziato la sua attività nel campo della digitalizzazione del progetto di architettura 25 ani fa con l’acquisizione – la prima nel Politecnico - di una Workstation Sylicon Graphics e del software di modellazione pre-BIM Rucaps-Sonata; ha perseguito lo sviluppo della ricerca applicativa delle tecnologie digitali nella rappresentazione e progettazione di architettura, lungo il percorso dagli ambienti software vettoriali al BIM, declinandone l’impiego sulle peculiarità del patrimonio edilizio esistente in Italia. In particolare dedica l’attenzione all’applicazione ai beni architettonici di valore storico e monumentale – investendo il corpus della sua didattica con il pieno coinvolgimento degli studenti – sperimenta la modellazione BIM su edifici storici esemplari, quali: l’intero complesso della Certosa di Pavia (quasi completo, dalla Chiesa al Museo), il Museo Archeologico della Lomellina nel Castello di Vigevano, tratti esemplari di muri antichi degradati negli scavi di Ercolano, la Villa Mirabellino nel Parco di Monza, il Palazzo di Giustizia di Pavia, la sede della Guardia di Finanza in Corso Sempione e la sede dell’Autorità per l’Energia Elettrica in C,so di Porta Vittoria a Milano. 
In qualità di architetto professionista ha progettato e seguito l’attuazione in cantiere all’estero ed in Italia, ad esempio, le Stazioni di Valle e di Monte della ferrovia Funicolare in galleria di Madesimo – Campodolcino.

Chiudi

Martinelli
Intervento di Nicola Martinelli
Nicola Martinelli docente di urbanistica - Politecnico di Bari Biografia Vedi atti Guarda il video

Nicola Martinelli associato di Urbanistica presso il Dipartimento Dicar del Politecnico di Bari, svolge ricerche nel campo della pianificazione territoriale con particolare interesse per il paesaggio costiero e coordina la redazione di Piani urbanistici di nuova generazione secondo gli indirizzi della recente riforma in materia della Regione Puglia. Membro del Direttivo della Società Nazionale degli Urbanisti dal 2003 al 2006, ha anche presieduto l’associazione di cittadinanza attiva Città Plurale di Bari.
Ha pubblicato saggi sugli aspetti metodologici e applicativi finalizzati alla pianificazione dei territori secondo parametri storici e ambientali. Dal 2004 si interessa al rapporto di reciprocità città  e università, su questo specifico tema ha curato il volume "Università, città e territorio nel Mezzogiorno (con P. Rovigatti, F. Angeli 2005)" e nel 2012 con M. Savino due servizi sulla rivista Urbanistica 149 e 150. Inoltre ha curato il volume "Le risorse dello sviluppo locale: il Parco del Gargano (con G. Viesti, F. Angeli 2003)", gli atti della XII Conferenza Nazionale della Società Italiana degli Urbanisti "Il progetto dell'Urbanistica per il paesaggio (Martinelli et al., Adda 2009)" e il volume "Per un atlante della città pubblica a Bari (Adda 2009)".

Chiudi

Atti di questo intervento

co_14_12martinelli.mp3

Chiudi

Acreman
Intervento di Barbara Acreman
Barbara Acreman Dirigente presso la Direzione Generale per lo Sviluppo del Territorio del - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Biografia Vedi atti Guarda il video

Barbara Acreman è dirigente della 5 Divisione della Direzione Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti. In particolare segue i lavori relativi al Piano Città, alle Aree Interne, alla macroregione Adriatico – Ionica, ai programmi e progetti di reti a servizio delle città (Urbact), al programma di iniziativa comunitaria ESPON 2013 e alla gestione della “Rete delle Città Urban Italia”.

Chiudi

Atti di questo intervento

co_14_13acreman.mp3

Chiudi

Torna alla home